William Woodward, ambasciatore del marchio Lems, ha intrapreso un viaggio intorno al Nord America con nient'altro che se stesso e tutto ciò che riusciva a far entrare nel suo furgone. Un vero minimalista! Per saperne di più sui suoi viaggi, consultate il nostro Q+A con lui.

Per un video della "trasformazione di Ruby" nella sua configurazione attuale, , cliccate qui.

1. COSA TI HA SPINTO A PIANIFICARE QUESTA AVVENTURA IN UN FURGONE?

Credo che tutto sia iniziato con il desiderio di semplificare il mio stile di vita. Dopo aver lavorato per diversi anni in diverse aziende, volevo ridurre al minimo ed eliminare le distrazioni che ritenevo limitassero la mia creatività e la mia concentrazione. La parte della vita in furgone è nata quando ho deciso di rimanere principalmente in Nord America per la parte iniziale del viaggio, e avere un veicolo che rappresentasse l'essenza del road trip americano mi sembrava giusto.

2. DA QUANTO TEMPO VIAGGIA E DOVE STA ANDANDO?

È passato più di un anno, dal 2 aprile. Credo che questo viaggio durerà almeno fino alla fine di quest'anno, quando probabilmente mi trasformerò in qualcosa di nuovo. Che cosa sia, però, è ancora in via di definizione. Finora ho viaggiato principalmente nell'Ovest americano e canadese, con viaggi secondari in Costa Rica, Nicaragua, Messico e Dubai. Per me, tra le Montagne Rocciose e l'Oceano Pacifico, questo territorio offre alcuni dei paesaggi più belli del Nord America.

Per quest'estate sono in programma un paio di destinazioni internazionali, a partire dalla Norvegia, poi l'Islanda e l'Australia. In ogni luogo, noleggerò un furgone e documenterò il viaggio. Più avanti, in autunno, ci saranno le Hawaii e la Grecia, oltre a un viaggio in Patagonia a dicembre/gennaio. Come potete vedere, l'anno si sta svolgendo nel migliore dei modi!

3. QUAL È LA SFIDA PIÙ GRANDE NEL VIVERE IN UN FURGONE? QUAL È LA PARTE MIGLIORE?

Tutto ciò che è una sfida è in realtà solo una sfida perché ci siamo abituati a una certa comodità del mondo moderno. Oltre ai nostri bisogni primari - cibo, acqua e riparo - c'è poco che ho trovato così scomodo da non poter vivere senza o con una versione diversa. Finora direi che la sfida più grande che ho affrontato è stata quella di sentirmi completamente a mio agio con la mia compagnia. Ho scoperto che ora mi sento più vicina a una citazione di uno dei miei autori preferiti, Hunter S. Thompson: "La solitudine è per le persone che si sentono a proprio agio con la propria compagnia".

"La solitudine è per le persone che non riescono a vedere se stesse se non attraverso gli occhi dei loro compatrioti...".

Credo che la sfida in sé sia la parte migliore. Senza spingerci al di fuori della nostra zona di comfort, non ci renderemo mai conto di tutto ciò che possiamo realizzare. Si impara così tanto sul mondo attraverso le lotte che sembra logico abbracciarle e mettersi in quei posti.

4. QUAL È LA SUA DESTINAZIONE DI VIAGGIO DEFINITIVA?

Credo che la destinazione che mi entusiasma di più quest'anno siano le Lofoten, in Norvegia. C'è anche una buona possibilità di andare in Patagonia quest'inverno, il che sarebbe fantastico.

5. COSA TI MANCA DI PIÙ QUANDO VIVI FUORI DAL TUO FURGONE? COSA PENSI CHE TI MANCHERÀ UNA VOLTA TERMINATO IL VIAGGIO?

All'inizio ti mancano molte delle comodità di una casa, come l'acqua corrente, l'accesso all'elettricità o al wifi, ma presto ciò che ti manca diventa la norma. Ci si rende conto che c'è una semplicità che esiste al di fuori delle attività della vita quotidiana. Una volta che ci si libera di alcuni di questi bisogni, si diventa liberi di esistere in modo più presente. Anche se a volte può essere "scomodo" o "inopportuno", ha aperto le mie giornate a una ricchezza di opportunità che altrimenti non si sarebbero mai presentate.

È difficile dire cosa mi mancherà di più, dato che intendo portare molto di questo stile di vita in qualsiasi cosa faccia dopo. Detto questo, c'è ben poco che possa eguagliare la posizione in cui mi trovo sul retro della Ruby, con le porte e i portelloni aperti per far passare la brezza calda, osservando le montagne e leggendo un buon libro al sole del pomeriggio.

6. SE POTESSI SCEGLIERE UNA PERSONA AL MONDO PER VIAGGIARE AL SUO FIANCO, CHI SAREBBE E PERCHÉ?

Penso che la parte migliore del viaggio sia poter viaggiare con molte persone! Le nostre esperienze sono così spesso intrecciate con quelle di chi ci circonda che è difficile separare un luogo da chi è con noi. Spesso dico che la parte migliore dei viaggi che ho fatto è la gente con cui ho trascorso il tempo lungo il percorso.

7. QUAL È UN FATTO DIVERTENTE CHE LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE POTREBBE NON SAPERE SU DI LEI?

Anche se ora sono un fotografo, in realtà mi sono laureato in Ingegneria meccanica. Dire che ho preso una strada diversa da quella che mi aspettavo sarebbe un eufemismo.

8. QUAL È IL RICORDO PIÙ BELLO DELLA TUA ESPERIENZA DI VITA IN FURGONE?

Sono continuamente stupita e umiliata dalla bontà delle persone con cui ho trascorso del tempo durante questo viaggio. Ho condiviso risate e lacrime con persone che conoscevo da pochi giorni, ma che ora considero gli amici più cari.

9. SAPENDO QUELLO CHE SA ORA, PREVEDE DI FARE VIAGGI IN FURGONE IN FUTURO?

Assolutamente sì. La vita in furgone mi ha certamente cambiata, sia per quanto riguarda i miei bisogni e le mie necessità fisiche ed emotive. Anche se non so se in futuro farò un viaggio della stessa durata, questo stile di viaggio, con il suo ritmo lento, continuerà sicuramente in una forma o nell'altra.

10. DESCRIVERE LA VITA DA FURGONE IN UNA PAROLA:

Liberazione.

P.S. - Dopo aver risposto a queste domande e aver riguardato tutte le fotografie dell'ultimo anno, ho capito che la "vita in furgone" non riguarda i luoghi che ho fotografato, ma l'apertura alle opportunità che questo mondo ha da offrire. Ogni giorno si ha la possibilità di farne parte, che si tratti di una cena con gli amici, di una gita in palestra di arrampicata o di un'esplorazione del backcountry nelle Montagne Rocciose canadesi. Non è necessario che ogni giorno sia epico, ma ogni giorno è certamente l'unico che avete. La vita di Van e le persone che hanno potuto condividerla con me mi hanno insegnato ad apprezzare di più e ad avere meno bisogno, una combinazione che mi ha portato in un luogo che sono felice di aver trovato.

Per vedere altri lavori di William, visitate la sua pagina e seguitelo su Instagram:

Sito web

@wheretowillie

Additional Articles

Storia delle scarpe

Con l'evoluzione del tempo, si è evoluto anche il design delle scarpe. Inizialmente, le scarpe da ginnastica sono diventate comuni, guidate dal comfort e dalle prestazioni. Tuttavia, man mano che le scarpe sono diventate di moda, sono diventate più poco pratiche, guidate dall'aspetto più che dal comfort.

Diamo uno sguardo più approfondito alla storia delle calzature e capiamo come il design delle scarpe di oggi abbia creato una serie di problemi ai piedi, tra cui bunioni, dita a martelloe altro.

Back to News