Lems collabora con alcuni dei più importanti medici di forme di piede naturali al mondo. Uno di questi è il dottor Mark Cucuzzella, medico di famiglia e corridore. Egli ha fornito alcuni spunti fondamentali per il design delle scarpe minimaliste di Lems.

Nel corso di anni di ricerca, il dottor Cucuzzella ha esaminato centinaia di scarpe, ha tenuto seminari sulla forma del piede in tutto il paese, ha aperto un negozio di scarpe minimaliste e ha fondato il Natural Running Center a Shepherdstown, in West Virginia.

Il Natural Running Center è dedicato alla condivisione di informazioni sulla forma di corsa naturale, sul minimalismo e sulle pratiche di corsa e camminata salutari. Attualmente il NRC conta oltre 20 negozi associati, 12 dei quali distribuiscono Lems Shoes.

In cosa consiste la corsa naturale?

Se vi state chiedendo cosa significhi corsa naturale, questi tre principi chiave del CNR vi aiuteranno a illustrare il quadro generale. Teneteli a mente mentre continuate a leggere: Secondo il dottor Cucuzzella, la corsa naturale "non è un metodo o un marchio specifico, ma piuttosto ciò che gli esseri umani hanno fatto per milioni di anni".

1. Per i piedi, il mondo è piatto.

Con 26 ossa, 33 articolazioni, oltre 100 muscoli, tendini (tra cui il più forte del corpo) e legamenti, e circa 200.000 terminazioni nervose, il piede è una delle parti del corpo in movimento più complesse. È anche una delle meno comprese. Detto questo, un aspetto del piede è molto semplice: È stato creato per muoversi in piano sul terreno.

Il piede è costruito per svolgere due funzioni fondamentali: l'assorbimento degli urti e la propulsione. Quando il piede può sentire il terreno in modo naturale, sia a piedi nudi che con una scarpa minimalista, i piedi lavorano esattamente nel modo in cui sono stati concepiti: in piano sul terreno.

Quando funziona in modo naturale, le terminazioni nervose sulla pianta del piede ricevono i messaggi dal terreno e li inviano al midollo spinale e al cervello. Quando i nervi del piede "parlano" meglio con il terreno, possono inviare al cervello i segnali giusti sul terreno. Quando questa connessione funziona, il corpo reagisce e si regola di conseguenza.

2. Tutti hanno bisogno di un po' di spazio per muoversi.

Poiché non possiamo andare in giro a piedi nudi tutto il giorno, dobbiamo usare le scarpe. Ma la maggior parte delle scarpe convenzionali sono fatte per la moda, non per la funzionalità. Nel corso del tempo, ci siamo convinti che schiacciare i piedi, e soprattutto le dita, in scarpe dalla forma stretta sia normale.

Ma non è così.

Vi siete mai chiesti perché molte persone soffrono di unghie incarnite, calli, duroni e dita a martello? Scarpe sbagliate. Le scarpe che non si adattano ai piedi possono anche causare squilibri muscolari nel corpo, con conseguenti lesioni ai piedi, alle ginocchia e alle anche.

L'idea alla base delle scarpe naturali (e del movimento naturale) è quella di allargare le dita dei piedi, dando loro più spazio. La scatola della punta di una scarpa naturale è molto più spaziosa di quelle che dominano il mercato oggi.

L'ampiezza è importante perché quando l'alluce è compresso è automaticamente fuori dal corretto allineamento. In questo caso, la parte anteriore dell'arco plantare non funziona correttamente. In particolare, è necessario che l'alluce sia un bene per noi. Aiuta l'equilibrio, la stabilità e la propulsione.

Una calzata corretta deve consentire la naturale espansione del piede quando entra in contatto con il terreno. Non deve mai inibire il movimento naturale del piede. Una vera scarpa naturale o minimalista permette al piede e alle dita di muoversi come se fossero a piedi nudi.

3. La forma porta alla funzione.

Indossare una scarpa naturale è una cosa. È un ottimo punto di partenza. Tuttavia, quando si inizia a correre con una scarpa minimalista vicina al terreno, la forma diventa ancora più critica.

Sollevando il tallone dal terreno e con una serie di altri accorgimenti progettuali, le scarpe da corsa tradizionali hanno permesso al nostro corpo di "barare" quando si cammina o si corre. Con una scarpa più simile al piede nudo, è necessario riqualificare i piedi, la colonna vertebrale e la parte superiore del corpo affinché si muovano nel modo in cui sono stati concepiti.

Il dottor Cucuzzella approfondisce l'anatomia del corridore naturale, ma la postura è il punto di partenza migliore. Correre in modo naturale significa correre "alti". Immaginate di tenere un libro sulla testa. Con una scarpa piatta, il tallone e la pianta del piede sono a livello del terreno e il corpo si inclina leggermente in avanti. Questa è la forma di corsa naturale.

Quando le due cose - scarpe minimali e forma di corsa efficiente - si uniscono, si va nella direzione giusta. Questo è il percorso verso una camminata e una corsa sostenibili e prive di lesioni.

Additional Articles

Stivali da trekking a pianta larga: Qual è il vantaggio?

Se non avete mai provato un'escursione con un paio di scarponcini da trekking a punta larga, potreste provare dolore e fastidio inutili ai piedi.

Back to News