Essendo di una piccola città, mi sentivo quasi pretenziosa quando la gente mi chiedeva dove vivessi. Durante le vacanze e le rimpatriate, ho iniziato a notare le facce di coloro che conoscevo negli anni passati che si guardavano male o si giravano disgustati quando dicevo: "No, non lo Stato di New York, New York City". Ho vissuto a New York in un periodo di trasformazione della mia vita, non sapevo cosa volevo fare e, come molti laureati, stavo imparando chi sarei diventata.

Quei primi mesi nella "Grande Mela" potrebbero essere considerati il mio risveglio. Sono stata tirata fuori dalla mia piccola boccia rurale e messa nel vasto oceano delle modelle, degli amministratori delegati e della città più redditizia del mondo. Oltre allo shock e allo stupore che ho provato passando accanto alle celebrità che prendevano il caffè e avventurandomi in luoghi che avevo visto sul grande schermo, l'unica cosa che ho notato immediatamente è stato lo stile della grande città.

Che si trattasse di un gala in cravatta nera o di una gita alla gastronomia locale, tutti erano vestiti in modo impeccabile. Abiti ben confezionati, griffe e scarpe europee erano la norma. Non potevo fare a meno di lasciarmi coinvolgere dalle tendenze e iniziai a preoccuparmi molto di più del mio aspetto e di ciò che indossavo. Spesso mi capitava di esplorare blog di moda maschile invece del solito articolo sportivo.

Ho iniziato a spendere una parte maggiore del mio stipendio nei negozi al dettaglio e nel giro di qualche mese il mio intero guardaroba è stato rinnovato. Come il resto del mio armadio, sentivo che anche le scarpe avevano bisogno di un aggiornamento. Per integrarmi e affermarmi come "newyorkese", mi sembrava giusto unirmi alle masse e cambiare le mie scarpe da ginnastica bianche e casual con uno stivale con tacco rialzato e afflitto. Questi stivali erano ovunque e sembrava che per essere considerati abitanti di New York, un desert boot fosse un acquisto essenziale. Abbinati ai miei jeans cimosati e alla flanella a maniche lunghe, gli stivali erano la ciliegina sulla torta di cui avevo bisogno per integrarmi davvero.

Ho iniziato a indossare i miei stivali ovunque andassi. Vivendo in una città in cui il principale mezzo di trasporto è costituito dai propri piedi, è lecito affermare che le mie nuove scarpe sono state molto utilizzate. Con la quantità di chilometri e di tempo che ho dedicato a quel paio di scarpe, era inevitabile che dovessero essere sostituite e quando è arrivato il momento, sono entrata nello stesso negozio e ho comprato un altro paio delle mie adorabili stringate rialzate.

Sebbene fossi inseparabile dai miei desert boots, il mio eterno amore per le infradito non mi avrebbe mai permesso di rinunciare alle mie dita aperte nei mesi estivi. Con l'avvicinarsi dell'estate, ho nascosto gli stivali in fondo all'armadio e ho tirato fuori le mie fedeli infradito con le dita dei piedi, programmando di dedicare loro i tre mesi successivi. Nel giro di poche settimane ho iniziato a notare un cambiamento significativo nel mio piede sinistro. Mi capitava spesso di indossare i sandali per poi abbassare lo sguardo e scoprire che il mio piede sinistro si muoveva in modo piuttosto goffo e aveva difficoltà a rimanere sull'infradito. Ho notato che la parte anteriore del piede era girata verso l'esterno. Non ci ho pensato molto; tuttavia, quando il sole ha cominciato ad affievolirsi e le felpe e le giacche si sono risvegliate dal letargo, anche i miei stivali si sono svegliati. Notai subito una differenza nei miei piedi e l'allegria che provavo all'inizio indossando il mio capo di abbigliamento newyorkese scomparve rapidamente. Ogni volta che facevo i primi passi con gli stivali, la parte esterna del tallone sinistro cominciava a farmi male. Inoltre, la rotazione del piede verso l'esterno sembrava più accentuata con gli stivali.

Ho digitato i miei sintomi su Internet e mi sono imbattuta in un articolo che sembrava scritto appositamente per me. Secondo il blog Fix Flat Feet, "la maggior parte delle scarpe tradizionali ha un tacco rialzato. Questo pone il piede in una posizione appuntita verso il basso. Con il tempo questo può causare una perdita di flessibilità del muscolo del polpaccio e una limitazione della dorsiflessione della caviglia o della flessione dell'articolazione della caviglia, ovvero della gamma di movimenti. Quando la dorsiflessione della caviglia è limitata, il corpo compensa tale limitazione aumentando il movimento in corrispondenza della rotazione del tallone e della parte anteriore del piede. ("Come le scarpe causano", 2013)

Ho associato questa nuova conoscenza al fatto che spesso camminavo per chilometri con questi tacchi rialzati e la causa del mio disagio è diventata evidente. Tuttavia, come la maggior parte delle persone che tendono a fraintendere le priorità, ho ignorato la mia scoperta. Credevo che fosse più importante avere un aspetto elegante che sentirsi bene. Ma con il passare dei mesi il dolore continuò ad aumentare e divenne chiaro che la salute del mio piede aveva un estremo bisogno di attenzione. L'importanza di conformarsi alle tendenze di New York doveva essere rivalutata, così come la mia scelta di calzature. Così, con un attimo di esitazione e un sospiro emotivo, ho gettato le scarpe nella spazzatura e ho detto addio ai miei amati desert boots che stavano silenziosamente tradendo i miei piedi. Mentre lo stile delle mie scarpe continuava a rimanere una priorità, ho iniziato a fare shopping di calzature che non solo fossero belle, ma che mi permettessero anche di camminare con facilità e comodità. È così che ho scoperto il mio interesse per le scarpe minimaliste e a piedi nudi.

(2013). Come le scarpe causano i piedi piatti e l'iperpronazione. Fix Flat Feet, recuperato da http://fixflatfeet.com/how-shoes-cause-flat-feet-and-overpronation/.

Additional Articles

Storia delle scarpe

Con l'evoluzione del tempo, si è evoluto anche il design delle scarpe. Inizialmente, le scarpe da ginnastica sono diventate comuni, guidate dal comfort e dalle prestazioni. Tuttavia, man mano che le scarpe sono diventate di moda, sono diventate più poco pratiche, guidate dall'aspetto più che dal comfort.

Diamo uno sguardo più approfondito alla storia delle calzature e capiamo come il design delle scarpe di oggi abbia creato una serie di problemi ai piedi, tra cui bunioni, dita a martelloe altro.

Back to News