Per ottenere risultati positivi nella costruzione di un piede più sano, funzionalmente forte e duraturo a lungo termine, è necessario che i piedi lavorino da soli, indipendentemente dal supporto esterno. Ciò include il supporto dell'arco plantare, gli inserti a cuneo e gli stabilizzatori di movimento, che costituiscono la maggior parte delle scarpe da corsa tradizionali. L'aspetto più problematico di questi rinforzi strutturali è che mettono a tacere l'attività e l'impegno muscolare dei piedi, consumando la forza del piede nel tempo, il che è un dato di fatto ineluttabile.

Ancora peggio, la maggior parte delle scarpe da corsa tradizionali sono strette nella parte anteriore, costringendo le dita dei piedi in posizioni estremamente strette, il che è direttamente responsabile della formazione di calli, neuroma e di uno spostamento irregolare delle sollecitazioni in tutto il piede, con un enorme carico sulle piccole ossa dei piedi. In questo modo, sono molte le forze negative che agiscono sul piede, mettendo il corridore in una situazione molto difficile per quanto riguarda la prevenzione degli infortuni.

Quando i muscoli del piede rimangono inattivi, come accade nelle scarpe da corsa strette tradizionali, i piedi sono destinati a diventare fisicamente e funzionalmente deboli e malformati, il che può causare molti infortuni ai corridori.

Ecco perché le calzature minimaliste, come le Lems, sono così importanti perché eliminano le restrizioni fisiche sui piedi e li incoraggiano a operare in modo indipendente. In questo modo i piedi sviluppano la forza necessaria per rafforzare il controllo dell'equilibrio a livelli che non possono essere raggiunti con le scarpe da corsa tradizionali. Questo può avvenire solo quando i piedi sono liberi di muoversi e di impegnarsi in modo naturale, come vuole la natura, ed è per questo che con un paio di Lems si ha tanto da guadagnare.

Le Lems sono ciò che rende grande una buona scarpa minimalista, perché sono funzionalmente specializzate per lavorare con il piede, non contro di esso. Queste scarpe forniscono un'ossatura strutturale che è il perfetto complemento anatomico alla forma del piede umano, perché sono costruite su una piattaforma ampia, piatta e flessibile - la combinazione ideale per consentire al piede di espandersi, flettersi e diffondersi continuamente al suo stato naturale.

Un altro requisito fondamentale di una buona scarpa minimalista è che la suola non sia altro che un sottile pezzo di gomma che si avvicini al terreno e fornisca facilmente un adeguato ground-feedback, il tipo di informazione sensoriale che ha dimostrato di migliorare la gestione del movimento. Questo è un altro elogio per Lems, perché la suola sottile e i materiali minimali sono in grado di fornire un'adeguata aderenza al terreno per aiutarvi a stabilizzarvi su ogni tipo di terreno. Una buona aderenza al terreno è anche un elemento costitutivo per unaun'adeguata forza e flessibilità del piede.

In sostanza, non c'è motivo per cui i piedi si sentano deboli e intrappolati in una scarpa. È per questo motivo che le calzature minimaliste, come le Lems, sono completamente dedicate Lems, sono completamente dedicate a rispecchiare l'esperienza di camminare a piedi nudi, nel modo in cui l'uomo si è evoluto.

Additional Articles

Stivali da trekking a pianta larga: Qual è il vantaggio?

Se non avete mai provato un'escursione con un paio di scarponcini da trekking a punta larga, potreste provare dolore e fastidio inutili ai piedi.

Back to News